Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
1 febbraio 2012 3 01 /02 /febbraio /2012 15:42

Una breve GUIDA per leggere e capire i principali DATI TECNICI delle CALDAIE

 

TIPOLOGIE DI CALDAIE:

 1) LE CALDAIE A TIRAGGIO NATURALE: In caso di caldaia con camera aperta, cioè atmosferica, prelevano l’aria dall’ambiente in cui sono installate e scaricano i fumi direttamente all’esterno ed è quindi necessario prevedere dei fori di adeguate dimensioni per garantirne il corretto funzionamento. In ogni caso la caldaia non può mai essere installata nei garage, nei box, nelle rimesse e in generale negli ambienti dove c’è più pericolo di incendio.

 

2)LE CALDAIE A CAMERA STAGNA: In queste caldaie la combustione avviene in una camera isolata dal resto dell’ambiente, è quindi dotata di un elettroventilatore che preleva l’aria dall’esterno e che forza i fumi di scarico verso il camino. La caldaia a camera stagna con tiraggio forzato garantisce la sicurezza degli ambienti domestici, in quanto non permette ai fumi di travasare negli ambienti interni. Le caldaie a camera stagna sono più evolute, sicure ed efficienti rispetto a quelle a tiraggio naturale.

 

3) CALDAIA A CONDENSAZIONE: Evoluzione dei modelli a camera stagna dai quali eredita le caratteristiche sopra indicate. Attualmente sono le più efficienti e permettono notevoli risparmi che variano però a seconda del tipo di impianto al quale vengono abbinate ( vedi il mio articolo in questo Blog : quando una caldaia a condensazione condensa..). Il loro rendimento inoltre aumenta ai bassi regimi, rispetto ad una caldaia normale possono far risparmiare fino al 40%. Leggi l'articolo Caldaie a Condensazione .

 

CLASSE ENERGETICA “STELLE” CEE 92/42:

Le caldaie sono classificate secondo la loro efficienza energetica, ossia quanta energia trasferisce all’acqua che va nei tubi (D.P.R. 660/96). Il regolamento determina, in base alla potenza nominale, quattro classi di rendimento delle caldaie:

 

a 1 stella*    Non consigliate (Tiraggio naturale con fiamma pilota)

a 2 stella**   Non consigliate (Tiraggio naturale senza fiamma pilota)

a 3 stella***  Le caldaie a 3 stelle offrono un  buon risparmio energetico  (Camera Stagna)

a 4 stella ****Le caldaie a 4 stelle offrono un altissimo risparmio energetico (Condensazione)

 

CLASSE NOx :

Gli elementi inquinanti prodotti dalla combustione del gas naturale sono soprattutto sostanze incombuste principalmente ossido di carbonio e ossidi di azoto. La norma UNI EN 297 prevede una classificazione degli apparecchi a gas secondo 5 "classi" di emissione (concentrazione in mg/kWh di potenza installata) in base al valore medio di NOx prodotti.

classe NOx    mg/kWh     ppm    

1                                260           147    

2                                200        113    

3                                150              85       

4                                100              57    

5                                   70             40

Ai sensi del DPR 551/99, solo una caldaia a gas che rientra nella "classe 5" di emissione di NOx (ovvero con emissioni pari o inferiori a 70 mg/kWh) può essere definita "ecologica".

 

PRODUZIONE ACS ΔT 30°C :

Questo valore dipende  principalmente dalla potenza della caldaia e dall’accumulo di cui eventualmente è dotata. La sigla “ΔT 30°C” indica la differenza tra l’acqua fredda in ingresso alla caldaia e l’acqua calda che può produrre. Quindi se l’acqua arriva a casa Vostra a 15°C verrà scaldata fino a 45°C prelevando i litri indicati nella scheda tecnica.

 

POTENZA ELETTRICA ASSORBITA:

Indica il consumo elettrico di schede elettroniche, ventilatori, servomotori e pompe. Le migliori caldaie hanno valori molto bassi, è un dato spesso trascurato ma molto importante e ci possono essere importanti differenze tra modelli apparentemente simili. La maggior parte del consumo è dovuto alla pompa di circolazione che da sola può consumare 100W.

 

By Luca Angioi

NEW SYSTEM srl  Bibione  VE

www.newsystem-online.it

Repost 0
Published by newsystem-online - in CALDAIE
scrivi un commento
9 gennaio 2012 1 09 /01 /gennaio /2012 21:52

10) UNA CALDAIA A CONDENSAZIONE…

 

a) In realtà non condensa mai.

b) Condensa sempre.

c) Condensa se la T° di ritorno non è eccessivamente alta.

 

In una caldaia a condensazione i fumi vengono raffreddati fino a condensare, in questo modo si riesce a ridurre notevolmente lo spreco di calore evacuato attraverso il camino e sopratutto si recupera il calore dell'acqua contenuta nell'aria usata nella combustione.

 

Vi siete mai chiesti perchè ci sono caldaie a condensazione da poco più di mille euro e caldaie a condensazione da oltre 5000 €uro? Magari sono entrambe addirittura della stessa marca.

 

Quali differenze possono esistere per giustificare una tale differenza di prezzo?

 

Innanzitutto, come per la totalità dei prodotti in commercio, il principale responsabile della differenza di prezzo è sempre e comunque la qualità dei materiali utilizzati. Sulla carta due caldaie con corpo in alluminio sono descritte nello stesso modo ma spessori e qualità di costruzione possono nascodere differenze notevoli, allo stesso modo anche tutti i componenti secondari mostreranno scelte a volte eccessivamente risparmiose nei prodotti da prezzo.

 

Altra causa di innalzamento dei costi è l'elettronica, io non sono per l'esasperazione di logiche automatiche e complicazioni di programmazione ( in molti casi inutili o addirittura controproducenti) però una caldaia con elettronica evoluta, abbinata a una pompa di circolazione a giri variabili e controllo continuo dei parametri di combustione, garantirà sicuramente rendimenti più alti rispetto ad una caldaietta a condensazione economica.  

 

Leggendo i dati tecnici è difficle scoprire differenze vistose nei consumi tra la caldaia da 1500 euro e quella da 5000 anzi, probabilmente entrambe avranno un rendimento superiore al 107%, e allora perchè dovrei spendere 3 volte tanto? Il rendimento indicato è solo il massimo raggiungibile e le differenze in questo senso possono essere anche nulle ma, nel rendimento stagionale sicuramente la caldaia più evoluta può garantire differenze anche del 20% rispetto alla sorella più economica. Il motivo di tale differenza è dovuto principalmente alla elettronica che riuscirà a controllare la temperatura di ritorno garantendo alla caldaia di poter condensare continuamente.

Per assurdo è meno dannoso installare una caldaia a condensazione di basso livello su una abitazione con impianto di riscaldamento moderno di tipo radiante invece che installare la stessa caldaietta a servizio di un impianto vecchio a radiatori. I radiatori, e peggio ancora i ventilconvettori, hanno bisogno di temperature di funzionamento più elevate e di conseguenza anche la temperatura dell'acqua che ritorna in caldaia sarà più elevata, questa situazione può compromettere il rendimento della caldaia sopratutto se questa non è in grado di controllare autonomamente la temperatura di ritorno dall'impianto.

Ricordate comunque che una caldaia di buon livello, con pompa di circolaziona a giri variabili in classe A, vi permetterà di risparmiare molto anche sui consumi elettrici. Per scegliere quindi dovete prima fidarVi del Vostro installatore ( e se non vi fidate di lui cambiatelo pure), poi provate a farvi 2 conti da soli.

 

Quanto spendete?

Se oggi la vostra spesa annuale non supera i mille euro di combustibile forse fate a bene a risparmiare ma scegliete prodotti diffusi nella vostra zona e cercate su internet quanti centri assistenza possono intervenire sulla marca che vi è stata proposta, meglio di tutto sarebbe affidarsi a chi vi installerà la caldaia.

 

La vostra spesa supera i 2000 euro anno? il 20% di differenza tra 2 caldaie vuol dire che quella più costosa può farvi risparmiare oltre 400 euro, quindi con una differenza di 3500 euro e la detrazione del 55% che porta la differenza a soli 1575 euro (detrazione in 10 anni) vuol dire che in 4 anni avete recuparato tutti i soldi spesi in più e inoltre avete una caldaia più evoluta e sicuramente costruita con materiali di maggiore qualità che presumibilmente la faranno durare di più negli anni.

 

A questo punto non dovreste più avere dubbi e avrete capito la risposta :

10) UNA CALDAIA A CONDENSAZIONE…

 

c) Condensa se la T° di ritorno non è eccessivamente alta.

 

Ciao a tutti, Luca Angioi, NEW SYSTEM srl Bibione VE.

www.newsystem-online.it

Repost 0
Published by newsystem-online - in CALDAIE
scrivi un commento
27 novembre 2011 7 27 /11 /novembre /2011 19:10

Secondo articolo e risposta alla prima domanda del quiz:

 

1)      UNA CALDAIA A CONDENSAZIONE…

 

a)       Quando è accesa fa condensare l’acqua del rubinetto.

b)       Il suo mantello è talmente freddo da fare condensa.

c)       I fumi vengono raffreddati fino a condensare.

 

Spero che sia stato semplice per tutti dare la risposta esatta al semplicissimo quesito sopra esposto: c) i fumi vengono raffreddati fino a condensare.

 

Ma siete sicuri che una caldaia a condensazione faccia sempre il suo lavoro?

 

Per condensare, e quindi recuperare il calore dell'acqua presente nei fumi, la temperatura dell'acqua di ritorno non deve superare i 54 °C. Per ottenere questo risultato i radiatori dovrebbero funzionare alla minor temperatura possibile, piuttosto è opportuno allungare le ore di riscaldamento per evitare di innalzare la temperatura dei corpi scaldanti. Un altro trucco è installare delle valvole termostatiche su ogni radiatore, in questo modo la temperatura dell'acqua di ritorno dall'impianto diventa più bassa e permette di garantire la condensazione dei fumi. Le caldaie più evolute hanno la pompa di circolazione "inverter" che, oltre a consumare il 70 in meno di corrente, si regola automaticamente per ridurre al minimo la temperatura dell'acqua di ritorno garantendo così la condensazione anche con temperature alte dei radiatori.

 

Quanto puoi risparmiare con questo tipo di caldaia?

 

La migliore caldaia "non a condensazione" è quella con tecnolgia premiscelata, il rendimento torico massimo è del 100%, una caldaia a condensazione può arrivare al massimo teorico del 110%, quindi la differenza di rendimento è del 10% a favore della condensazione a parità di qualità costruttiva, tipo di impianto e combustibile a disposizione.

Il miglior combustibile per una caldaia a condensazione è ovviamente il Metano, anche per chi ha cosumi ridotti.

Il GPL invece ha costi di gestione superiori anche rispetto al Gasolio, l'unico vantaggio del gpl è che  le caldaie sono più piccole e costano all'acquisto meno di una a Gasolio.

Nella vostra zona non cè il Metano e avete già il Gasolio? cambiate caldaia con una a Gasolio, anche per questo combustibile sono ora disponibili ottimi modelli a condensazione con potenza bi-stadio, potete ridurre i consumi anche del 40%. In alternativa: Pompa di calore o caldaia a Pellets o Trasforma la caldaia da gasolio a pellets!

 

Ricordate che sono in vigore gli incentivi fiscali 50% anche per le caldaie non a condensazione Decreto Sviluppo: detrazione fiscale al 50% .

 

 Per conoscerci meglio visitate www.newsystem-online.it

Repost 0
Published by newsystem-online - in CALDAIE
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di New System S.r.l.
  • Blog di New System S.r.l.
  • : Consigli per non prendere fregature, risparmio energetico, scelte etiche, uso intelligente delle risorse energetiche, riduzione degli sprechi, novità.
  • Contatti

Profilo

  • newsystem-online
  • Nato nel 1974, ho sempre vissuto a Bibione. Da oltre 20 anni lavoro nell'azienda di famiglia che si è evoluta nel tempo diventando un punto di riferimento per chi vuole impianti di qualità e soluzioni tecnologiche di alto livello. Hobby? Sci, Foto. Ho scritto un articolo per ProntoPro su come negli ultimi anni l'efficienza energetica sia nettamente migliorata grazie alla nuova tecnologia:  https://www.prontopro.it/blog/come-la-tecnologia-ha-migliorato-il-risparmio-energetico/
  • Nato nel 1974, ho sempre vissuto a Bibione. Da oltre 20 anni lavoro nell'azienda di famiglia che si è evoluta nel tempo diventando un punto di riferimento per chi vuole impianti di qualità e soluzioni tecnologiche di alto livello. Hobby? Sci, Foto. Ho scritto un articolo per ProntoPro su come negli ultimi anni l'efficienza energetica sia nettamente migliorata grazie alla nuova tecnologia: https://www.prontopro.it/blog/come-la-tecnologia-ha-migliorato-il-risparmio-energetico/

Cerca