Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
20 ottobre 2012 6 20 /10 /ottobre /2012 12:38
9) UNA STUFA A PELLET PUO’ SCALDARE I RADIATORI…
a) Solo se l’aria calda arriva in quella stanza.
b) Si, se la stufa è stata progettata per scaldarli.
c) No, perché ci vorrebbe una stufa per ogni radiatore. 
   
E' molto diffuso acquistare stufe a pellets per riscaldare la casa in quanto si è molto attirati dal basso costo di acquisto e dalla possibilità di risparmiare molti soldi sul costo di combustibile. Purtroppo molti acquirenti, non avendo esperienza, si fidano dei venditori da supermercato e dopo pochi giorni dall'aver installato la loro bella stufa si trovano a fare i conti con un confort inadeguato e risultati spesso sotto le aspettative. E' bene precisare che anche la più piccola stufa a pellets che possiamo comprare ha comunque una potenza nominale di almeno 5 kW. non installate mai una stufa normale in corridoio ! è come pensare di mettere un radiatore in corridoio e illudersi che questo scaldi adeguatamente tutte le stanze attorno. Le stufe normali vanno sempre e solo installate nella stanza più grande che avete a disposizione, ok risparmiare ma anche il comfort vuole la sua parte, portare una stanza a 30° per avere le altre a 18° non è comfort!  Per darvi un termine di paragone, una stufetta elettrica per riscaldare il bagno se usata alla massima potenza sviluppa 2 kW, la più piccola stufa a pellets scalda almeno il doppio.
 
 snap stufa idro
Spesso mi capita di vedere stufe installate in corridoi o stanze molto piccole e in queste condizioni una stufa non può certo funzionare in modo corretto, inoltre avrete sicuramente grosse differenze di temperatura tra il luogo dove avete deciso di installare la stufa e le altre stanze, e il comfort lo dimenticate per sempre.    
     
Ricordate quindi, prima di acquistare una stufa, valutate bene dove la potrete installare e non confinatela in un corridoio perchè credo che nessuna persona intelligente installerebbe un radiatore da 5 kw in corridoio sperando di avere un bel calduccio anche nelle camere! In casi come questo abbiate almeno il buon cuore di scegliere i modelli con i condotti dell'aria canalizzabili. A meno che non abitiate in un monolocale o un bel open-space, la scelta migliore ( anche se tecnicamente ed economicamente più impegnativa) è installare un modello "Idro". Per utilizzare termini semplici, i modelli Idro si definiscono così perchè al loro interno hanno uno scambiatore di calore ( oltre a pompa, valvole, ecc) per produrre acqua calda che può essere usata anche per docce, ecc. . Il vantaggio evidente è che il calore prodotto dalla stufa lo posso sfruttare in tutti i radiatori presenti nell'abitazione mantenendo un comfort elevato e risparmiando effetivamente nei consumi.
 snap-TABELLA_COSTI.jpg
Nel grafico che vedete sopra, reperibile facilmente su internet e che ritengo molto attendibile, si può vedere che rispetto ad una caldaia Metano il costo del combustibile è nettamente inferiore, se poi avete una caldaia a Gasolio o Gpl la differenza diventa esorbitante. Il costo indicato nel grafico è riferito ad una caldaia a pellet che può arrivare anche a 10.000 euro di costo installata. Le caldaie a pellets hanno il vantaggio di avere serbatoi più grandi e possono anche essere abbinate a silos in grado di garantire autonomie elevate, le manutenzioni sono meno frequenti ed aumenta l'affidabilità e la durata nel tempo, i modelli più evoluti hanno inoltre un controllo elettronico tramite sonda lambda che riduce al minimo le ceneri ottimizzando continuamente la combustione con risultati veramente ottimi.
 
Una stufa-idro è molto più economica e installata può costare circa 4000/6000 euro, il prezzo può variare a seconda della potenza o qualità della stufa-idro scelta, delle difficoltà di installazione sia a livello impiantistico che della complessità della canna fumaria.
Ricordate pèrò che le stufe se siete pigri o avete poco tempo possono non essere la soluzione giusta per Voi. Usando la stufa 8/10 ore al giorno vi troverete probabilmente a dover svuotare il cassetto delle ceneri tutti i giorni, caricare il pellets tutti i giorni, pulire il braciere con l'aspiratore ogni 2-3 giorni, pulire il vetro e i condotti fumo ogni 2-3 giorni ( una caldaia a pellets può avere la pulizia automatica del braciere e dei condotti fumo e quindi vi basterà caricarla e svuotare il cassetto ceneri una volta a settimana) e tutti gli anni chiamerete lo spazzacamino. Vi consiglio inoltre di non comprare questi prodotti nei supermercati perchè prima dell'acquisto dovete chiedere un sopralluogo ad un tecnico competente per capire come e se è installabile la stufa-idro che vorreste comprare.
   
Le stufe a pellets, come le caldaie a pellets, sono detraibili al 55% solo in caso di "sostituzione di una precedente caldaia", se installate il vostro bel prodotto a pellets senza rimuovere la caldaia non potete detrarre il 55% ( a meno che non troviate qualche professionista poco serio che certifichi il contrario). Potete sempre e comunque usufruire del 50% in 10 anni (il 50% sostituisce il 36% e attualmente rimarrà in vigore fino a giugno 2013), nessun costo aggiuntivo e non serve neppure rivolgersi a un professionista per la certificazione. Per il 50% dovete solo ricordarvi di pagare con bonifico bancario chiedendo il modello predisposto ( attenti a non usare i modelli normali !!!) e poi ricordarvi di consegnare al vostro commercialista la fattura quando dovete presentare la vostra dichiarazione sui redditi insieme ai dati catastali dell'immobile dove l'avete installata. Non serve essere i proprietari per portare in detrazione la spesa.
 
Quindi:
9) UNA STUFA A PELLET PUO’ SCALDARE I RADIATORI…
Ciao a tutti e se avete domande sarò lieto di risponderVi.
     
Luca Angioi, NEW SYSTEM srl Bibione VE
 
b) Si, se la stufa è stata progettata per scaldarli.
     

Condividi post

Repost 0
Published by newsystem-online - in PELLET e BIOMASSE
scrivi un commento

commenti

Niko 12/29/2016 23:26

Buonasera un mio cliente ha problema con una idrostufa si sono rotte le tubazioni essendo vecchie . In attesa può usare la idrostufa solo a stufa dato che deve ripristinare impianto aspettando anno nuovo .
Ps idrostufa è una del Zotto con ventilazione
Grazie e buona sera

Antonietta 11/05/2016 15:30

Buonasera, ho intenzione di acquistare stufa a pellet idro di 20 kw in più ho ovviamente già caldaia a gas metano per l'acqua calda, c'è chi dice sia obbligatorio uno scambiatore la mia domanda è: è vero? o posso utilizzare una soluzione alternativa ma molto meno onerosa? Grazie in anticipo per la risposta.

donatella 10/11/2016 00:21

ciao ho bisogno di riscaldare una sala molto grande 12X14 dove faccio scuola di ballo ma e' senza coibentazione....ho provato a farmi fare un preventivo per delle pompe di calore ma il prezzo e proibitivo.....quindi cosa mi consigliate il pelletes ? vi prego aiutatemi ......

newsystem-online 10/11/2016 12:19

Buongiorno Donatella, scaldare una sala da ballo di quelle dimensioni è sicuramente impegnativo in termini economici e di potenza anche perchè va considerato l'uso che presumo sia a ore e come scrive anche la mancanza d'isolamento. Le pompe di calore hanno senso se vuole anche raffrescare gli ambienti nel periodo estivo altrimenti sono sicuramente meglio degli aerotermi a gas. Il pellet può essere una soluzione semplice ed economica, da tenere presente l'ingombro a terra e la manutenzione (pulizia e carico combustibile ) che sarà frequente. Chieda altri preventivi in zona, è sempre meglio un sopralluogo per valutare bene cosa conviene fare. Se vuole può cercare un installatore qualificato attraverso il sito dell'associazione QUALITIS www.qualitis.it .

nicolo1968 08/02/2016 18:26

intendevo semplicemente chiedere se è più efficiente una stufa a pellet o il teleriscaldamento, chiedo questo perchè sono indeciso se prendere una stufa oppure metterci il teleriscaldameto

newsystem-online 08/03/2016 09:05

Buongiorno, se nella tua zona hai possibilità di collegarti al teleriscaldamento informati dei costi di trasformazione da impianto autonomo a teleriscaldamento e dei costi di gestione e dei costi del riscaldamento al kW, poi fare un conteggio di quale sia la soluzione migliore è semplice.

nicolo1968 07/28/2016 09:17

Bel articolo molto interessante, volevo chiedere una cosa : ma la stufa a pellet riscalda di più del riscaldamento normale o del riscaldamento con pietre radianti??

newsystem-online 08/02/2016 17:00

Buongiorno Nicolo, la tua domanda non mi è ben chiara. Le stufe a pellet scaldano in base alla loro potenza nominale così come tutti gli altri generatori di riscaldamento (qualunque sia il combustibile utilizzato), quello che cambia può essere il rendimento di combustione e la distribuzione del calore nei vari locali e quindi va analizzato ogni singolo caso e può differire a seconda del sistema utilizzato.

silvia 02/19/2016 09:32

Tante grazie!!! Provvederò subito a farla allacciare allora, senza fare esperimenti..:-)

silvia 02/18/2016 14:56

buongiorno.
ho da poco ricevuto una nuova stufa idro e vorrei sapere se può temporaneamente funzionare senza essere attaccata all'impianto dei termosifoni. Grazie

newsystem-online 02/18/2016 22:49

Buonasera Silvia,
una stufa idro è concepita per dissipare la maggior parte del calore prodotto dalla fiamma attraverso lo scambio termico con l'acqua. Farla funzionare a impianto vuoto non la ritengo una buona idea perché potrebbe portare ad un surriscaldamento eccessivo della stufa con conseguenti danni non coperti da garanzia.

Mirko 10/17/2014 14:29

Buongiorno, approfitto della Sua esperienza e cortesia per un paio di domande. Sono intenzionato ad installare una idro pellet da abbinare alla caldaia a gas a condensazione gia esistente. Visto tutti i radiatori sono gia dotati di valvole termostatiche motorizzare, è possibile abbinare un tale sistema con la stufa idro senza rischiare un eccesso di temperatura allorchè le valvole si chiuduno? ...inoltre, visto che la stufa verrebbe posizionata in taverna per scaldare tale locale in modo "diretto", è possibile supporre che possa funzionare senza mandare acqua calda nel circuito di casa? mi spiego meglio: nel momento in cui la temperatura nelle altre stanze è stata raggiunta e le valvole si chiuduno, immagino che la stufa moduli abbassando la fiamma ed in tale caso viene a mancare il riscaldamento nella tavarena ove posizionata... giusto? Grazie della Sua gentilezza!

marco 11/03/2014 19:57

grazie grazie grazie

newsystem-online 11/03/2014 16:17

Ciao Marco,
il blog è sempre attivo ma in certi periodi faccio fatica a trovare il tempo per rispondere ai quesiti che mi vengono posti. La RAVELLI è una ditta che fa ottimi prodotti e nel segmento Idro offre un ottimo rapporto qualità/prezzo, il fatto che la produzione sia Italiana è sicuramente un plus aggiuntivo.

marco 10/28/2014 07:37

come mai non funziona piu il blog

marco 10/25/2014 14:52

ciao anchio ho comprato una stufa ravelli hrb 120 mi deve ancora arrivare spero di aver fatto bene perche ce ne sono tante nel mercato vorrei sapere da te se tu la prendevi perche costano un po di piu di una nordica ital cammini ecc ma e italiana come dicono grazie

newsystem-online 10/24/2014 20:34

Ciao Caterina,
le stufe Ravelli sono di ottimo livello e le versioni idro funzionano molto bene. Il modello HRB120 è una novità di quest'anno dal design molto particolare, la qualità è sicuramente medio alta.

caterina 10/23/2014 20:40

ho comprato una ravelli hrb120 cosa mi dici grazie

newsystem-online 10/20/2014 21:04

Le stufe e le caldaie a pellet per avere rendimenti buoni dovrebbero lavorare il più a lungo possibile senza spegnersi in quanto il ciclo di spegnimento e riaccensione è molto energivoro e lungo. L'ideale è che la stufa abbia sufficente potenza per scaldare l'intera abitazione e lavorando alla minima potenza dovrebbe spegnersi il meno possibile. Una stufa costretta a lavorare alla massima potenza avrà ovviamente rendimenti più bassi di una uguale che lavora a potenza media. Il dimensionamento iniziale è quindi molto importante per ridurre al minimo la spesa del riscaldamento, personalmente preferisco una stufa con minore potenza non per farla lavorare al massimo ma per farla lavorare più ore.

Mirko 10/20/2014 11:09

Grazie molto per la precisa risposta. L'accumulo era la soluzione ipotizzata anche dal mio tecnico e mi fa piacere che anche Lei abbia confermato. Approfitto ulteriormente... il tecnico asserisce che la stufa a pellet deve avere una potenza in Kw tale per cui sia obbligata a lavorare sempre al limite, quindi sconsiglia un sovradimensionamento. Sinceramente, nella mia ignoranza, avrei supposto il contrario, cioè che fosse meglio più potente del necessario in modo tale che lavorasse a bassi/medi regimi. Posso avere la Sua opinione ion merito?

newsystem-online 10/18/2014 21:29

Buongiorno Mirko,
le stufe idro lavorano principalmente in base alla temperatura dell'acqua calda. Raggiunta la temperatura impostata riducono la potenza e se anche al minimo è eccesiva si spengono anche se non hanno raggiunto la temperatura nella stanza. L'ideale per tutti i generatori a biomassa è di lavorare con grossi accumuli di acqua per ridurre al minimo accensioni e spegnimenti. Per scaldare la taverna è consigliabile aggiungere dei ventilconvettori o radiatori se non presenti, in questo modo la potenza erogata dalla stufa sarà distribuita anche sui nuovi terminali che garantiranno il giusto riscaldamento della stanza.

massimo 10/02/2014 09:20

ciao vorrei montare una stufa a pellet idro ma si puo atacare direttamente a un termo ho devo atacarla alla caldaia

massimo 10/03/2014 20:50

no ha valutato i termo e lentrata che e da 12 cm e non me lo garantisce in fatti non mi fido.
in un anno spendo mille euro di gas ho una caldaia bereta a boiler ho 10 termo che pompano ho le valvole in tutti i termo a 3 di numero ma mi sa che non basta temperatura sui 21 gradi costante ho una casa grande il fatto la spesa sara di 4 mila euro idro pelet normale 3 mila circa ma avro bisogno la notte magari a volte di accendere un po i termo quindi chissa mi butto

newsystem-online 10/03/2014 08:59

Ciao Massimo,
se chi ti ha proposto di attaccarsi al termo ha fatto le giuste valutazioni termotecniche calcolando le portate delle tubazioni alle quali vuole collegarsi e ti mette per iscritto con timbro e firma che il tutto funzionerà e che l'installazione rispetta le normative in vigore puoi anche provarci. Mal che vada gli pianti una causa che vincerai sicuramente. In termini di risparmio economico dipende sempre da quale situazione parti: quanto consumi in un anno? che tipo di caldaia hai adesso per riscaldare? Partendo da queste domande si può capire il risparmio se è del 30/40/50% e anche dare un valore economico al risparmio per fare una valutazione sui tempi di ammortamento della spesa sostenuta.

massimo 10/02/2014 21:56

grazie uno e venuto e vuole attaccarsi direttamente ai termo mentre un altro no mi ha spiegato come dicci tu ora mi rimane il dubbio se meglio idro ho no per i lavori da fare x arrivare alle tubazioni centrali la moglie si scoraggia la casa e di 120 metri in un piano solo con dieci termo il risparmio vero dove grazie

newsystem-online 10/02/2014 09:59

Buongiorno Massimo,
le stufe IDRO hanno potenze da 7 kW in su e quindi va collegata a tubazioni sufficiente grandi. Non è possibile collegare una stufa al posto di un radiatore utilizzando i tubi che lo collegavano all'impianto in quanto nel 99% dei casi questi saranno di diametro troppo piccolo per permettere una sufficiente circolazione dell'acqua. Le stufe IDRO vanno sempre collegate alle linee principali di riscaldamento e se la potenza della stufa sommata a quella della caldaia supera i 35 kW bisogna disaccoppiare i due generatori con uno scambiatore a piastre. Chiedi un sopralluogo ad un installatore per valutare la fattibilità di installazione.

antonella di chiara 09/17/2014 17:43

possiedo già una stufa pellet aria e soffro di asma la cambio con una a idro che collego ai termo xchè ho alzato un piano massardato la stufa mi costa 2.000 euro compreso di tutto istallazione ai termo e accenzione vorrei sapere se devo richiedere la certificazione all' istallatore xche egli dice che non serve

newsystem-online 09/18/2014 09:39

Buongiorno Antonella, la dichiarazione di conformità dell'installazione è obbligatoria sempre per tutte le stufe ad aria e ancor di più quelle idro. Installando le stufe ad aria la certificazione riguarderà il luogo di installazione, la presa d'aria e il condotto di scarico fumi. Nel caso di stufa idro andrà certificata anche l'idoneità del collegamento all'impianto, se la stufa sarà collegata direttamente la potenza va sommata a quella della caldaia e non bisogna superare i 35 KW. Per evitare di superare la soglia dei 35 KW è opportuno che caldaia e stufa siano separate nel lato idraulico da uno scambiatore. La dichiarazione di conformità è una tua tutela, dal 15 ottobre 2014 saranno in vigore i nuovi libretti di impianto nei quali andranno indicati tutti i generatori di calore presenti in casa, ti consiglio di chiedere subito anche il nuovo libretto così sarai sicura che tutto è stato fatto a norma. Non fidarti di chi non vuole rilasciare dichiarazioni di conformità!

Presentazione

  • : Blog di New System S.r.l.
  • Blog di New System S.r.l.
  • : Consigli per non prendere fregature, risparmio energetico, scelte etiche, uso intelligente delle risorse energetiche, riduzione degli sprechi, novità.
  • Contatti

Profilo

  • newsystem-online
  • Nato nel 1974, ho sempre vissuto a Bibione. Da oltre 20 anni lavoro nell'azienda di famiglia che si è evoluta nel tempo diventando un punto di riferimento per chi vuole impianti di qualità e soluzioni tecnologiche di alto livello. Hobby? Sci, Foto. Ho scritto un articolo per ProntoPro su come negli ultimi anni l'efficienza energetica sia nettamente migliorata grazie alla nuova tecnologia:  https://www.prontopro.it/blog/come-la-tecnologia-ha-migliorato-il-risparmio-energetico/
  • Nato nel 1974, ho sempre vissuto a Bibione. Da oltre 20 anni lavoro nell'azienda di famiglia che si è evoluta nel tempo diventando un punto di riferimento per chi vuole impianti di qualità e soluzioni tecnologiche di alto livello. Hobby? Sci, Foto. Ho scritto un articolo per ProntoPro su come negli ultimi anni l'efficienza energetica sia nettamente migliorata grazie alla nuova tecnologia: https://www.prontopro.it/blog/come-la-tecnologia-ha-migliorato-il-risparmio-energetico/

Cerca