Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 gennaio 2015 1 19 /01 /gennaio /2015 11:40

Il Pellet, consigli per l'uso e l'acquisto.

Come capire la qualità del pellet?

Introduzione: Il pellet è un combustibile naturale ricavato dalla segatura del legno e pressato (circa 300 bar) per ricavarne dei cilindri, non vengono normalmente utilizzati collanti in quanto durante la pressatura l’innalzamento della temperatura del legno attiva l’effetto legante della lignina. Il diametro del pellet è ormai standardizzato: il 6 mm viene utilizzato per stufe e caldaie domestiche o comunque in impianti di taglia medio-piccola, l’ 8 mm viene utilizzato nei grossi impianti industriali. Rispetto alla legna il pellet ha un costo maggiore ma permette di rendere automatiche le accensioni e gli spegnimenti dando la possibilità anche a chi non ha tempo di utilizzare un sistema a biomassa.

 

Prima di comprare osservate:

Faggio e Abete offrono in generale il pellet migliore, da questi alberi si ricava un legno dal colore chiaro o "bianco" o giallo paglierino, e comunque nel sacchetto deve esserci scritto da quale tipologia di alberi proviene il pellet. Osservate i tronchetti, devono essere di lunghezza simile tra loro, se ci sono troppe differenze tra i tronchetti la fiamma sarà meno costante. Guardate il fondo del sacchetto e se trovate troppa polvere di legno cambiate sacchetto, se tutti hanno molta polvere nel fondo cambiate tiplogia di prodotto. La polvere in eccesso può causare malfunzionamenti nelle parti in movimento della vostra stufa o caldaia a biomassa.

 

Imparate a leggere l’etichetta:

L’etichetta è molto importante da leggere e dovreste sempre farlo prima di comprare un sacchetto di pellet di marca o tipologia diverso da quello che acquistate di solito. Nell’etichetta troverete i seguenti dati importanti:

-Potere calorifico: espresso in kWh/kg indica quanta energia termica può produrre 1 kg di pellet, migliore è il pellet e maggiore è questo valore. Indicativamente si parte da 4,5 kWh/kg e si arriva a 5,5 kWh/kg per i prodotti migliori.

-Residuo di cenere: espresso in percentuale sul peso bruciato, ovviamente più il valore è basso e meglio è in quanto vuol dire che la vostra stufa o caldaia sarà meno sporca a fine giornata. Normalmente si parte da 0,3% per i pellet migliori e si sale per i prodotti di qualità inferiore che possono superare anche 1,5%.

-Umidità: espressa in percentuale, deve essere il più bassa possibile e sono ammessi valori inferiori al 10%. Pellet con livelli di umidità alto può creare problemi in fase di avviamento e cali di rendimento.

Consiglio: quando portate in casa un sacco di pellet che è stato esposto a basse temperature, aspettate prima di aprirlo e dategli il tempo di raggiungere la temperatura ambiente. Aprendo un sacco “freddo” l’umidità che avete in casa verrà attratta dal pellet freddo che tenderà ad assorbirne in eccesso causando spesso problemi di accensione. Se per problemi di spazio siete costretti a stoccare il pellet in un ambiente freddo, portate il sacchetto in casa almeno 24 ore prima di aprirlo.

-Certificazioni: le certificazioni aiutano a capire se il pellet è di qualità ma può comunque capitare di trovare un buon prodotto non certificato perché la certificazione comporta dei costi che alcune piccole ditte non vogliono accollarsi. Ci sono molte certificazione nazionali e internazionali, negli ultimi anni si sta diffondendo la normativa comunitaria UNI EN 14961-2 che cerca di aiutare il consumatore a capire quale pellet è migliore dividendolo in 3 categorie di qualità decrescente: A1 la migliore, A2 intermedia, B qualità bassa.

 

Fate delle prove:

Prima di comprare 1 bancale di pellet acquistate pochi sacchetti magari di diverse marche e provatelo. Il pellet più adatto alla vostra stufa o caldaia a biomassa sarà quello che lascierà meno cenere, intaserà meno il braciere e sporcherà meno il vetro.

 

Capite la reale convenienza dei diversi tipi di pellet:

Dopo aver provato vari prodotti e trovato quello più adatto confrontate il valore reale, dividete il prezzo di acquisto per il potere calorifico. Vediamo due semplici esempi:

Esempio 1: avete pagato un sacchetto da 15 kg € 5,00 e il rendimento indicato è di 5,0 kWh/kg, dividete i 5,00 euro spesi per i 15 kg e poi dividete ancora per rendimento di 5,0 kWh/kg. Avrete ottenuto che per 1 kW dovrete spendere 0,67 euro/kW.

Esempio 2: avete pagato un sacchetto da 15 kg € 4,70 e il rendimento indicato è di 4,6 kWh/kg, dividete i 4,70 euro spesi per i 15 kg e poi dividete ancora per rendimento di 4,6 kWh/kg. Avrete ottenuto che per 1 kW dovrete spendere 0,68 euro/kW. Il risparmio del secondo sacchetto è quindi solo teorico perché il rendimento del primo sacchetto è nettamente maggiore e probabilmente vi ritroverete ad avere meno problemi di funzionamento e pulizia.

 

Regolate al meglio la stufa o la caldaia:

Quando acquistate un prodotto a biomassa è buona regola far eseguire il primo avviamento ad un tecnico qualificato che , oltre a controllare che l’installazione sia stata eseguita a regola d’arte, vi potrà regolare la vostra stufa o caldaia in modo che possa avere il massimo rendimento. Cambiare tipo di pellet dopo che il tecnico ha fatto le sue regolazioni può influire negativamente sulla combustione. Alcuni prodotti, come le stufe Palladio che vendo attraverso il mio ecommerce ( www.newsystem-shop.it  ) offrono all’utente finale la possibilità di modificare in modo semplice e sicuro un valore che va a regolare a sua volta diversi parametri di combustione. In questo modo le stufe Palladio possono adattarsi al nuovo tipo di pellet ed evitare ad esempio che durante il normale funzionamento la fiamma si spenga o che il braciere si riempia troppo.

 

Ciao a tutti. Luca Angioi, www.newsystem-shop.it

Condividi post

Repost 0
Published by newsystem-online - in PELLET e BIOMASSE
scrivi un commento

commenti

gina 02/18/2015 20:40

Vorrei prendere una stufa pellet casa mia è 40 mq.per riscaldare giornata intera quanto mi costa rispetto al gas di rete ?grazie se mi risp.mi chiarisco le idee

newsystem-online 02/19/2015 10:22

Buongiorno Gina, per calcolare il reale risparmio bisognerebbe conoscere almeno il rendimento reale della attuale caldaia. Passando da metano a pellet il risparmio può variare da un minimo del 20/25% ed arrivare anche al 40/50%. Le stufe a pellet inoltre sono acquistabili usufruendo del conto termico oppure della detrazione del 50%. Per 40 mq ti basta una stufa di 7-8 kW di potenza, se vuoi migliorare il comfort prendila canalizzabile per portare l'aria calda nelle altre stanze.

Pellet per caldaie 01/26/2015 13:35

Ottimo articolo. Aggiungo solo a conferma di tutto ciò di leggere l'etichetta della confezione di pellet più che semplicemente il prezzo, si possono rivelare tante sorprese!! Non sempre i pellet più costosi sono quelli di qualità e tante volte a qualche euro in meno si potrà ottenere ottimo Faggio e pochissima cenera nel bracere. Vorrei chiedervi però in quanto tempo si ammortizza secondo i vostri calcoli il costo di una caldaia a pellet? grazie

newsystem-online 01/28/2015 10:02

Ciao,
per capire se conviene una caldaia a pellet devi considerare: preventivo per la sostituzione, vantaggi di eventuali agevolazioni (tipo detrazione 50%), spesa attuale di combustibile e il risparmio che puoi ottenere. Fai una simulazione e con pochi calcoli puoi ipotizzare in quanto tempo la caldaia a pellet si ripagherà. Solitamente una caldaia a pellet non è consigliabile economicamente(o comunque porterebbe un vantaggio risicato) solo a chi ha costi di riscaldamento molto bassi, attorno ai 1000 euro anno. Il risparmio che si può ottenere dipende principalmente da quale situazione si parte e ciò da quale combustibile usi (metano, gpl, gasolio) e dal rendimento della attuale caldaia (puoi vedere il rendimento sulle analisi che ti fa il tuo manutentore).

Presentazione

  • : Blog di New System S.r.l.
  • Blog di New System S.r.l.
  • : Consigli per non prendere fregature, risparmio energetico, scelte etiche, uso intelligente delle risorse energetiche, riduzione degli sprechi, novità.
  • Contatti

Profilo

  • newsystem-online
  • Nato nel 1974, ho sempre vissuto a Bibione. Da oltre 20 anni lavoro nell'azienda di famiglia che si è evoluta nel tempo diventando un punto di riferimento per chi vuole impianti di qualità e soluzioni tecologiche di alto livello. Hobby? Sci, Foto
  • Nato nel 1974, ho sempre vissuto a Bibione. Da oltre 20 anni lavoro nell'azienda di famiglia che si è evoluta nel tempo diventando un punto di riferimento per chi vuole impianti di qualità e soluzioni tecologiche di alto livello. Hobby? Sci, Foto

Cerca